NUOVO e VIVO!!!!! Né di destra, né di sinistra

Ho letto della possibilità di saltare la difficile raccolta delle firme, ma per spiegare la mia posizione devo parlare del mio penultimo lavoro, auditor di sistemi di qualità. Poiché il problema oltre che noi riguarda almeno 60 milioni di italiani credo che valga la pena di dedicarci qualche minuto.

1) Questa notte mi sono domandato perché il modello lo vedo  “solo” io e ne ho concluso che forse è per lo stesso motivo che gli imprenditori preferivano pagarmi le consulenze ogni tanto. Ma questo pagarmi in politica non è possibile, non in questa fase, perché è la fase della decisione ” alzo o no la bandiera’? e ” quale bandiera alzo?” corrisponde alla

Lo Spirito Toyota

fase in cui l’imprenditore decide come vuole l’azienda. Se decide che vuole un sistema di qualità “alza la bandiera della qualità” che tutti devono seguire  e mi chiama. Mi telefona e mi paga per spiegargli come si fa a realizzare quella decisione.

2) Il motivo per cui vi sfugge cosa è e a cosa serve un modello probabilmente è che non sapete che l’auditor/consulente di  sistema non dice all’imprenditore  dettagliatamente cosa deve fare “fra due anni”. Fai questa ricerca di mercato, ti accordi con una catena, poi  fra due anni comperi questa macchina, tra 2 e mezzo assumi gli operai e vendi a 0,74€/kg. Non sono cose importanti e sopratutto sono cose non prevedibili  nel dettaglio: quali problemi spiccioli e quale risoluzioni saranno necessarie tra 5 anni sono una cosa che riguardano il futuro.

3) il consulente valuta la salute spirituale  dell’azienda e la coerenza del suo meccanismo costruttivo. Il termine spirito non lo ho traslato dal vangelo, “lo spirito Toyota” è la  “genesi” del sistema di qualità dell’omonima ditta GIAPPONESE , terra dove chi si dice cristiano è il 2% mentre i battezzati sono l’1%.. Lo spirito minuscolo è un termine tecnico che definisce la struttura dei criteri di sviluppo necessari ad una azienda per prendere decisioni sulla propria autocostruzione  e così poter funzionare/sopravvivere.

4) Quindi tra la decisione del titolare  e l’azione pratica  di un’azienda c’è lo spirito  e io lo costruisco di mestiere. Uno spirito qualsiasi ci deve essere e il primo tra tutti è quale criterio  dello sviluppo riduce  i costi. Lo spirito  è inevitabile  e considerato a livello universale  è quello che il papa chiama ” modello di sviluppo”. E anche noi lo chiamiamo modello di sviluppo, ma per non confonderlo con un modello capitalista   consumista o marxista  o finalizzato alla decrescita chiamiamo con una lunga tiritera “Crescita Felice TM life giving-life. Il nostro modello è spirito dell’umanità, o epiusios.

5) La politica di conseguenza è scienza e tecnica costruttiva dello spirito Italiano, che è reale/presente, in costruzione, valido per ogni iniziativa da qui a 5 anni ed oltre, sia per le grandi opere sia per le piccole, unitario ed unico. Se però non lo “vedi”  con gli “occhi della mente” non c’è verso che tu possa diventare un politico ( o un consulente di azienda o un auditor).  Questa scienza e tecnica dello spirito ti permette di evitare il conflitto dei processi  tra loro e la loro azione  autodistruttiva: questo problema è grossissimo all’interno di un’azienda, figuriamoci quanto è grosso all’interno dell’Italia! Così grosso da costringere Berlusconi – imprenditore che conosce lo spirito-aziendale a nominare la Galgano consulente del governo. Piano piano piano le cose hanno  iniziato a camminare nella giusta direzione, hanno iniziato ad apparire concetti sconosciuti in Italia, le cose a migliorare, … ma serve la scienza e tecnica costruttiva del modello nel suo complesso.

6) Lo spirito che costituisce il   modello Crescita felice TM life giving-life si trova dopo la bandiera ” cambia modello di sviluppo” e prima di tutta l’azione spicciola per cambiarlo, che è moltissima (riguarda 60 milioni di italiani) diversissima ( ogni ambito della loro vita) imprevedibile ( tra qua e 5 anni). Se non  hai una di queste tre cose e in questo ordine, come in azienda sei fritto! Devi solo sperare che le cose vadano bene per conto loro.

7) Lo spirito, o sapienza costruttiva dell’azione,  coordina tra loro le prassi con cui costruisco l’azione comunitaria. Per esempio, in azienda, devo comperare quando mi fanno le offerte a basso costo o comperare solo quello che mi serve  al momento ( Just in time)? Devo comperare a Km0 oppure da chi mi offe di meno? Devo mettere insieme  un sistema di autocontrollo per ogni fase o è tempo sprecato? Avrete già notato che i criteri riguardano anche la politica perché  gli stessi criteri ci sono nelle domande della gestione pubblica, …  Le prassi per realizzare questa sapienza  si possono riferire a quattro aspetti: l’autoattivazione del soggetto , la norma costruttiva per la vita, il gioco di squadra che ho attivato, la sua costruzione e finalità … Tutto questo è spirito, viene dopo la bandiera e prima dell’azione spicciola e … non può essere evitato. In “oltre il bipolarismo” e in “la cura della casa comune verso una economia sostenibile” è dimostrata la coincidenza di queste caratteristiche con i princìpi fondamentali della Dottrina Sociale Cristiana.

8) lo spirito si costituisce in cicli … c’è tutto un sito per studiare www.crescitafelicemodello.it

 

9) Lo strumento del modello di sviluppo  come lo conoscete voi  si chiama matrice operativa ( qui di fianco una rappresentazione)  e ha la stessa funzione dei meridiani e dei paralleli. Mi serve a sapere, dal punto di vista dello spirito e quindi prima dell’azione spicciola e mentre mi costruisco come modello, dove sono e che cosa devo fare per raggiungere lo scopo; e non ho altro modo per saperlo. Per esempio se la società va male quali sono le cause?  la mancanza della famiglia che non la costituisce,  o invece un problema di economia che non le dà la base materiale, o anche la politica che non approva  il fattore famiglia, o anche la propria prassi che non la autocostruisce o non  la  diffonde attraverso la socializzazione socio-economica. Se è tutto che non va  sono finito nel modello sbagliato come nel nostro caso

 

O vedete lo spirito o è tutto inutile.

Il nuovo modello di sviluppo è una cosa nuova. Le persone con cui vi mettete assieme  vogliono fare un nuovo modello di sviluppo alzando una bandiera  e  progettando uno spirito conseguente? Non importa l’azione spicciola quella si può solo progettare al momento purché sia coerente col modello. Azione spicciola non vuol dire azione piccola. La digitalizzazione della struttura pubblica, dalla fattura al processo coinvolge metà dell’economia italiana, ha più anni di vita di qualsiasi governo e non è ancora finita, eppure è ancora azione spicciola: il criterio che la fonda è l’organicità che consente di avere informazioni Just in time ( e di conseguenza pagamenti, tasse, processi, …)

Con cosa volete mobilitare il mondo cristiano con i cocci dei cocci dei cocci democristiani raccolti da SB nel 94? o proponendo la Vita come fine della società profana?

Lo sapete voi e loro lo sanno  che per seguire la Dottrina sociale Cristiana occorre costruire un nuovo modello di sviluppo ( ossia un nuovo spirito) [LS 194]? Non vi pare strano che i papi ci siano arrivati prima di voi? Non sarà perché loro lo spirito  i papi lo vedono e voi no?

E questa è anche  la riflessione  sulla  affermazione “rigorosamente al centro” che non ha più nessun significato perché destra è capitalismo, sinistra una marxismo che “non c’è più”. Dal  punto di vista del modello cosa vuol dire essere rigorosamente al centro, essere una volta marxisti e una volta capitalisti-consumisti? Senza la coscienza di essere UNA COSA NUOVA,  di essere un modello di sviluppo  e di volerlo costruire, tutto il resto è flatus vocis.